• Välkommen erbjudande till alla
  • Upp till 30% rabatt
Servizio Clienti Servizio Clienti
Lunedi Venerdi 09:00 - 17:00 Teléfono: Chiamate Internazionali:

Presenza di sangue nel liquido seminale: bisogna preoccuparsi o è normale?

Ematospermia: ovvero lo sperma rosa 

Con ematospermia o emospermia si fa riferimento a una condizione che in molti casi è sostanzialmente passeggera e non maligna.

Con questi termini medici si suole indicare il fenomeno dello sperma rosa connesso alla presenza di sangue nell'eiaculato.

Come detto nel paragrafo precedente, non per forza l'ematospermia è una patologia, ma comunque crea notevole apprensione e allarme nei pazienti che hanno a che fare con essa.

Il sangue si presenta sotto forma di macchie o striature di varie tonalità di rosso, spesso accese, che possono tramutarsi anche in colori più scuri tendenti al nero.

Come per altri contesti che si discostano dalla quotidianità di tutti i giorni, anche in questa è bene sottoporsi a un consulto medico anche se, come specificheremo più avanti, solo raramente e se si protrae nel tempo può portare a diagnosi di una certa rilevanza.

Tracce di sangue nello sperma: quali sono i sintomi?

Se si trova sangue nello sperma e non si hanno altri sintomi allora si parla di emospermia primitiva, al contrario, se è associato altri fenomeni allora viene definita l'emospermia secondaria.

Nel primo caso, solitamente non si individua una specifica causa della presenza del sangue nel liquido seminale.

Articolo Correlato: Gel Kamagra oral jelly 100mg disponibile on line

Nel secondo caso il sangue può derivare da una biopsia alla prostata, di rado un tumore e molto raramente tubercolosi, emofilia, un livello eccessivo di calcio o medicinali.

Esistono altri sintomi legati all'ematospermia? Quando ci si trova di fronte a un'infezione alle vie urinarie o una prostatite, si possono avere anche altre avvisaglie come episodi febbrili, sensazioni dolorose durante la minzione o l'eiaculazione, dolore ai genitali o in zona lombo-sacrale o inguine gonfio.

Cause del sangue nello sperma

Se il sangue compare nello sperma di un uomo giovane sotto i 40 anni, la percentuale che si tratti di un'infezione è molto alta, soprattutto se associato ai sintomi tipici come febbre e dolore durante la minzione e l'eiaculazione.

Dai 40 anni in poi, però, lo spettro delle possibilità si amplia e comprende, anche se in rari casi, anche il tumore alla prostata.

Oltre a questa ipotesi che si può escludere sovente, i medici valutano se il paziente ha subito recentemente biopsie o vasectomie, se assume un determinato farmaco anticoagulante, se si è in presenza di una prostatite o se l'uomo ha avuto nell'ultimo settimane dei rapporti sessuali piuttosto decisi.

Anche la tubercolosi o un periodo prolungato senza eiaculare possono essere alla base della presenza ematica nel liquido seminale.

Ecco i rimedi contro il sangue nello sperma

Se si hanno meno di 40 anni e non si hanno distintivi fattori di pericolo, il personale medico non interviene consigliando l'attesa come miglior soluzione; in quasi tutti i pazienti con queste peculiarità il sangue svanisce nel arco di poco tempo.

Quest'ultimo caso è molto raro e il trattamento dipende dalla causa scatenante individuata dall'equipe medica: possono essere prescritti dei medicamenti contro le infezioni o giungere a programmare un intervento chirurgico per asportare il tumore.

Rassicurazioni finali sull'ematospermia

Per riassumere possiamo rassicurare tutti gli uomini che vedono delle tracce di sangue nel proprio liquido seminale, soprattutto se sono giovani e se l'episodio è isolato.

Discorso diverso si deve fare per vicende ripetute nel tempo e soggetti più anziani, per loro il consulto medico è inevitabile anche se le cause spesso sono di lieve entità.



Utilizziamo i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando a utilizzare questo sito, accetti anche i cookies.

Vai!