• Välkommen erbjudande till alla
  • Upp till 30% rabatt
Servizio Clienti Servizio Clienti
Lunedi Venerdi 09:00 - 17:00 Teléfono: Chiamate Internazionali:

Sperma liquido, gelatinoso o poco, quali fattori alterano la sua qualità?

L'eiaculazione è il momento culmine del piacere maschile durante il rapporto sessuale. Prestare attenzione alla sua consistenza e ripetizione nel tempo è molto importante per garantirsi un buon livello di salute e di piacere.

Poco sperma: cause e conseguenze 

La produzione di poco sperma (ipoposia) può essere dovuta a diversi fattori

Intanto, a partire da quale grado si può parlare di sperma insufficiente? Secondo studi scientifici la produzione media di sperma è pari a 3,7 ml a eiaculazione.

Ci si dovrebbe impensierire qualora non si raggiungesse il volume di 1,5 ml. In questo caso bisognerebbe rivolgersi all'andrologo.

La causa più naturale della persistente scarsezza di sperma è data dalla vecchiaia che porta spesso ad avere anche una produzione meno densa e più liquida.

Articolo Correlato: Ordina Cialis originale marca Lilly senza ricetta in farmacia online

I fenomeni legati all'età solitamente compaiono a partire dai 45-50 anni, ma si verificano anche in alcuni soggetti trentenni.

Se la riduzione è drastica e si accompagna a problemi erettili, stanchezza e addirittura depressione, si potrebbe pensare ad una bassa produzione testosteronica che porta ad una patologia ipogonadica.

La disfunzione erettile e la riduzione di volume dello sperma sono presenti a volte anche nei pazienti diabetici.

Qualora la scarsità di sperma portasse ad una perdita di fiducia nelle proprie capacità può essere utile rivolgersi ad uno psicologo.

Sperma molto liquido, perché?

La consistenza dello sperma, se non considerata dagli interessati normale, può essere fonte di imbarazzo e ansia al momento dell'orgasmo.

Lo sperma è composto da una parte solida, gli spermatozoi e una liquida che dipende dall'energia sessuale, da quanto tempo è passato dall'eiaculazione precedente e da quanto è lunga e intensa l'eccitazione.

Lo sperma liquido è dato dalla scarsa produzione di spermatozoi dovuta al ridotto lasso temporale trascorso dall'ultimo atto eiaculatorio.

Qualora, invece, non dovesse essere questo il caso e la consistenza poco densa si riproponesse nel tempo l'attenzione si dovrebbe spostare al rafforzamento della potenza sessuale.

Come risolvere il problema dello sperma gelatinoso

L'aspetto gelatinoso dello sperma, al cospetto sovente di grumi, è spesso legato ad una smodata masturbazione che porta ad un'infiammazione della zona genitale.

Articolo Correlato: Acquisto di Viagra generico senza ricetta al miglior prezzo

Per evitare che le caratteristiche del liquido seminale si modifichino in questo modo, è consigliato non eccedere con le eiaculazione e non cercare di trattenerle.

In ogni caso è d'obbligo una visita specialistica.

Ogni quanto tempo un uomo può e deve eiaculare?

A livello prettamente meccanico, il corpo dell'uomo a seguito di un'eiaculazione non è in grado di averne un'altra per un periodo variabile detto refrattario.

Comunemente si parla di minuti: dai 15 dei giovani ai 20-30 degli anziani. Esistono casi, comunque, di orgasmi multipli maschili.

Innegabilmente esistono limiti fisici e circostanziali alla frequenza dei rapporti sessuali e agli atti eiaculatori in generale.

Secondo seri studi medici un numero bastantemente elevato di eiaculazioni mensili può addirittura aiutare nella prevenzione del rischio cancro alla prostata tra adulti dai 20 ai 50 anni.

Il motivo sta nel fatto che eiaculando il glande si libera delle sostanze nocive che originano cancro, infezioni e infiammazioni.

Gli studi dell'Università di Harvard sostengono che un buon livello di eiaculazione sarebbe quello di almeno 21 al mese, quindi circa 5 ogni 7 giorni. I ricercatori non distinguono tra masturbazione e rapporto con una compagna, l'importante è che il pene si “scarichi” degli spermatozoi e delle sostanze meno benefiche per il corpo dell'uomo.



Utilizziamo i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando a utilizzare questo sito, accetti anche i cookies.

Vai!